mercoledì 17 luglio 2013

LA LUNGA STRADA DEL COGNOME MATERNO IN ITALIA / Parte prima

LA DIFFUSIONE DEL PROGETTO SUL DOPPIO COGNOME
I primi eventi
di Iole Natoli

Se già nella seconda metà dell'800 il deputato pugliese Salvatore Morelli [1] aveva presentato una proposta di riforma del cognome dei coniugi e, conseguentemente, dei figli, sembra assodato che nel secolo XX il punto di partenza dell'ipotesi del doppio cognome in Italia sia stato il mio articolo del giugno 1979 [->] e quello del cognome unico a scelta il progetto parlamentare dell’ottobre 1979 dell’on. Magnani Noya. 
Meno noto è però il percorso di diffusione dell’idea dopo il 1979, anche in rapporto alla prima causa civile per il cognome materno in Italia (la mia, 1980-82).   (Prosegui -->)   


Già nel ’79 iniziavo a instaurare contatti per creare al mio progetto sul doppio cognome un possibile approdo in Parlamento. Il primo, tramite posta, fu col Partito Radicale, al quale proprio in quegli anni mi ero iscritta. Quando però in casa di Giuseppina Maisano, moglie
di Libero Grassi allora in vita, ebbi modo di conoscere di persona nel corso di una riunione Adele Faccio, appresi che il partito, assorbito dalla campagna contro la fame nel mondo, non aveva reputato abbastanza degno di attenzione il tema che io avevo proposto.
Fu un brutto colpo e tuttavia non mi arresi. Dopo qualche tempo, a causa di una iniziativa mia e di Pina Maisano Grassi,  con cui ero rimasta in rapporti di amicizia pur avendo già abbandonato il partito[2], presi contatto con esponenti della sinistra dell’Assemblea regionale siciliana in relazione all’installazione dei missili a Comiso[3].


Incontratami nel gruppo parlamentare comunista con Simona Mafai, le accennai del mio progetto sul cognome materno.  Mi disse di parlarne con Angela Bottari,  cosa che feci.  A

quanto mi fu dato poi di scoprire, i temi giudicati più pressanti dai vari partiti non lasciavano già allora alcuno spazio per avviare riforme sul cognome. La deputata comunista si mostrò fortemente interessata, promise che se ne sarebbe occupata, ma la legge contro la violenza sessuale la impegnava in quel momento a tal punto da indurla a rinviare il mio progetto a un momento successivo… che poi non venne.
Bottari non fu però che il secondo contatto diretto. Altri ne ebbi tramite posta con Carla Ravaioli e con Elena Marinucci, per conto di Margherita Boniver all’epoca deputata socialista. In quella stessa quella legislatura (VIII) era stata però presentata da Maria Magnani Noya, nell’ottobre del 1979, la proposta sul cognome unico a scelta.
Pur dichiarandosi interessata al mio progetto, cui attribuiva una portata “rivoluzionaria”, Marinucci non poteva pertanto che comunicarmi l’impossibilità per il partito di presentare due progetti diversi. La sua riserva su una certa “macchinosità” ravvisata nella mia soluzione si spiega con le considerazioni che seguono.
I riferimenti dei nostri parlamentari erano all’epoca più centro-europei[4] che marcatamente mediterranei, almeno in questo settore. L’esempio spagnolo, d’altronde, non appariva molto promettente, dato che quella stessa semplificazione dei cognomi che era stata da me indicata nel ’79 fu adottata in Spagna solo molti anni dopo. Peraltro, benché nel mio progetto la limitazione di un cognome per genitore fosse espressa con molta chiarezza, l’ordine dei cognomi determinato dal sesso, presente nelle prime stesure[5], lo rendeva forse scarsamente appetibile.
(Continua con la seconda parte)

Milano, 17 Luglio 2013
© Iole Natoli
_____________________
Note:
[1] Già nel secolo XIX il pugliese Salvatore Morelli (1824 – 1880), deputato della Camera Regia e intellettuale dal notevole impegno speso a favore delle donne, aveva presentato un progetto di legge contenente una norma sul cognome dei coniugi e conseguentemente dei figli, nonché un altro sulla filiazione contenente una norma sul cognome dei figli nati fuori del matrimonio.
Nella prima proposta, che tratta del matrimonio, egli scrive: “la nuova famiglia dovrà assumere il nome di entrambi o di uno dei coniugi”. 
Nella proposta sulla filiazione, dopo aver previsto l’abolizione della distinzione tra figli legittimi e figli naturali con le seguenti parole “Ogni figlio (…) è legittimo e la sua esistenza viene assicurata sullo stato civile dal cognome della genitrice”, specifica: “quando il padre  lo voglia può anche esso perpetuare il suo nome nella prole, aggiungendolo a quello della madre”.
Le citazioni sono tratte dagli Atti parlamentari del 1875.
Secondo quanto scrive Emilia Sarogni in "La donna italiana. Il lungo cammino verso i diritti 1861-1994" (p. 79), tuttavia, Morelli avrebbe già presentato le sue proposte nel 1867 senza che esse giungessero alla discussione, con la conseguenza che non se ne troverebbe traccia in Parlamento.
[2] La mia disiscrizione dal partito non fu causata dal disinteresse registrato nei confronti del cognome materno, benché non lo avessi certo accettato di buon grado, ma dallo sterile ostruzionismo parlamentare, da me non condiviso, ai tempi dell’approvazione della legge Reale.
[3] Denuncia contro Spadolini all’Inquirente (L’Ora, 23 Settembre 1981).
[4] Germania dell’Est e Jugoslavia.
[5] Vedi i primi quattro post di questo Blog.
____________________________________________________________________


Aggiornamento. Vedere anche gli altri articoli della serie:
2_ LA LUNGA STRADA DEL COGNOME MATERNO / Parte seconda
3_ LA LUNGA STRADA DEL COGNOME MATERNO / Parte terza 
http://cognomematerno-archiviostorico-italia.blogspot.it/2015/02/la-lunga-strada-del-cognome-materno.html
____________________________________________________________________

EDUCARE AL RISPETTO DI GENERE FIN DALLA NASCITA
Il diritto al doppio cognome è del figlio
PROPOSTA DI LEGGE in 10 articoli per il DOPPIO COGNOME
PARITARIO All’attenzione del Parlamento italiano          
8 Maggio 2013
Clicca per firmare
____________________________________________________________________

3 commenti:

  1. Buonasera.
    Anche se non sono d'accordo con l'articolo 3 (che trovo anche confusionale), firmo volentieri questa "petizione".
    saluti

    RispondiElimina
  2. Grazie per la firma. Quanto all'art. 3 dovrebbe indicarmi cosa esattamente le appare confuso, dato che l'articolo consta di 5 commi... non posso certo tirare a indovinare. Cordialmente.

    RispondiElimina
  3. Vai anche a "LA LUNGA STRADA DEL COGNOME MATERNO IN ITALIA / Il Passato, il Presente, il Futuro"
    http://cognomematerno-archiviostorico-italia.blogspot.it/2014/02/la-lunga-strada-del-cognome-materno-in.html

    RispondiElimina